lunedì 3 dicembre 2012

Once upon a December


E così arriva dicembre con la sua atmosfera natalizia.. La gente incomincia a fare l'albero di natale, si ingegna per decorare le proprie case ed alcune sono proprio in stile "Il Grinch", tutte piene di luci di ogni genere e a volte un po' pacchiane, ma è anche questo il bello. I paesi, le città si colorano, si animano. Molte volte penso ai natali passati, quando ero piccola: quanto mi piaceva il natale, non che adesso non mi piaccia, anzi lo adoro perchè mi fa sempre tornare un po' bambina. Ricordo che ogni 8 dicembre io e la mia famiglia facevamo l'albero (che non vedo l'ora di fare) tutti insieme, mentre mio papà pianificava progetti per il presepe da vero architetto e alla fine il risultato erano, e sono tutt'ora, presepi superspaziali che occupano una stanza intera.. ogni anno si mette in gioco e sfida se stesso e le proprie capacità, e ogni anno è sempre una sorpresa quel che riesce a fare.
Ricordo gli alberi di Natale con appesi i peluches e tutto ciò che non era fragile e facilmente distruttibile perchè io da brava bambina simpatica e pestifera ogni santa volta mi appendevo all'albero e lo facevo cadere; ricordo i periodi dell'avvento passati a cucire palline natalizie con stoffa, perline e quant'altro; ricordo i cioccolatini del calendario dell'avvento e la furbata nell'aprire le caselle per vedere la forma del cioccolatino e poi richiuderle; mi ricordo le letterine scritte o il caffee coi biscotti per Babbo Natale preparato il 24 sera; mi ricordo quell'atmosfera magica che arrivava con dicembre, col suo freddo, i suoi cappottini caldi, e quei vestitini invernali.. ricordo quell'atmosfera che adesso un po' se n'è andata.. Beh si questo è anche naturale, ma un po' mi manca e credo manchi a tutti: il credere il quell'omone barbuto che con le renne atterra in giardino o sopra il tetto e ti porta i regali, l'alzarsi di notte per andare a sbirciare sotto l'albero e tornare a letto un po' delusi perchè i regali non sono ancora sotto l'albero, l'alzarsi la mattina e come un razzo catapultarsi sotto l'albero e scartare i regali che, magia, sono quelli che hai chiesto.
Mi ricordo un Natale che fra i vari regali c'erano due cassette di cartoni bellissimi, dove c'erano dei topini che cucivano vestiti sotto il periodo di Natale, o coniglietti che cantavano canzoni natalizie. Mi ricordo quanto mi piacevano quelle cassette, le guardavo una, due, tre volte al giorno seduta sul divano al calduccio mentre fuori c'era il freddo e la neve.

Ogni volta sotto Natale guardo Il Grinch, e sfido chiunque a non aver pensato almeno una volta a come sarebbe stato vivere nel mondo dei Chi con Cindy Chi Lou, con quell'albero di Natale gigante, quelle case buffe, e quell'atmosfera natalizia, un po' esagerata forse..

Mancano 22 giorni al Natale, e io non vedo l'ora.


In attesa di un po' di neve che non si decide a scendere..









  




A cup of love
from
Italy

J.

4 commenti:

  1. l Natale a casa Mariani è un po' come quello di Cindy Chi Lou!! ;) Pronta per sabato? Il grande albero ci aspetta ;)

    RispondiElimina
  2. che bei colori! yellooooow

    RispondiElimina